Contenuto principale

DoveStaiAndando 1Il Consiglio Regionale dell’Ordine Professionale degli Assistenti Sociali del Veneto intende allargare lo sguardo sulla situazione del Welfare State attuale, in particolare sul rapporto tra pubblico e privato nella gestione delle politiche sociali e del Servizio Sociale Professionale, alla luce delle sempre più frequenti pratiche di outsourcing messe in atto da parte degli enti pubblici.
L'obiettivo è approfondire la conoscenza  della realtà di un sistema welfare a gestione pubblico - privata, capace di valorizzare e rilanciare le prerogative del servizio sociale professionale, in un’ottica di qualità, professionalità e innovazione.

Servizio Sociale… dove stai andando? Nuove prospettive nel Welfare Mix

a Verona venerdì 3 marzo 2017
dalle 8.30 alle 13.30 presso l'Auditorium Banco BPM in viale delle Nazioni 4


Il programma

8.30-9.00
Registrazioni

9.00
Saluti delle autorità ed apertura del convegno
Monica Quanilli – Presidente Ordine Assistenti Sociali del Veneto
Manuela Lanzarin – Assessore ai Servizi Sociali Regione Veneto
Luca Coletto – Assessore alla Sanità e programmazione socio sanitaria Regione Veneto

9.30-11.00    
Prima parte
interventi di:

10.50    Coffee break

11.15-13.00
Seconda parte
interventi di:

13.00-13.30    
Dibattito e conclusioni

Modera l'evento:

  • Nicola Martinelli – tesoriere Ordine Assistenti Sociali del Veneto

Se hai partecipato a questa giornata formativa, ti invitiamo a compilare un breve questionario di valutazione sull'evento cliccando qui.
Grazie per la collaborazione

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Daniela Liberati.pdf)Daniela Liberati.pdfDaniela Liberati1108 kB
Scarica questo file (Erika Dal Degan.pdf)Erika Dal Degan.pdfErika Dal Degan3235 kB
Scarica questo file (esperienze in contesti cooperativi.pdf)esperienze in contesti cooperativi.pdfesperienze in contesti cooperativi795 kB
Scarica questo file (Giuseppe De Robertis.pdf)Giuseppe De Robertis.pdfGiuseppe De Robertis1249 kB
Scarica questo file (Sandro Stanzani.pdf)Sandro Stanzani.pdfSandro Stanzani546 kB