Contenuto principale

Si riportano in questa pagina le informazioni relative ai pagamenti delle quote di iscrizione, tenendo le informazioni anche degli anni precedenti.
Si ribadisce che il versamento del contributo annuo è atto dovuto da parte dell'iscritto e che il mancato versamento comporta l'avvio di procedimento disciplinare. Si ricorda che, per non essere tenuti al pagamento della quota per l'anno successivo, va richiesta la cancellazione dall'albo entro il 31 dicembre dell'anno in corso. Si precisa inoltre che la cancellazione dall'albo comporta la conseguente impossibilità all'esercizio della professione.

A fondo pagina è presente una tabella con gli importi delle quote dei vari anni.

Si riportano a fondo pagina inoltre notizie sulla sentenza della Corte di Cassazione n.7776/2015 relativa alla possibilità di chiedere per i pubblici dipendenti di chiedere il rimborso del versamento della quota annuale.

Quota anno 2016

A partire dal 2016 il Consiglio ha deliberato di ridurre e parificare ad € 136,00 la quota per gli iscritti ad entrambe le sezioni dell’albo. Solamente per coloro che sono transitati in sezione A per effetto della sentenza TAR Lazio n. 5631/2014, andrà recuperata la differenza di quota riferita all'anno 2015 dell'importo di € 14,00 e pertanto chi è passato da albo B ad albo A si troverà da pagare un bollettino di 150 euro.
Si è inoltre confermata la scelta, già assunta negli scorsi anni, di favorire i nuovi iscritti all'Albo Professionale, richiedendo una quota di iscrizione di € 27,00=, pari a quanto il CROAS Veneto deve versare all'Ordine Nazionale per ciascun iscritto.
Il versamento dovrà essere effettuato per tutti entro il 15 aprile 2016 mediante bollettino di c/c postale (con numero: 17589300), oppure tramite bonifico bancario sul seguente codice IBAN: IT12G0760102000000017589300 intestato a: Ordine degli Assistenti Sociali del Veneto – Corso del Popolo, 71 – 35131 Padova, precisando sulla causale il proprio cognome e nome.

Scarica qui la lettera completa

Quota anno 2015

Ritardo tempistica di recapito bollettini quota annuale 2015.

Si informano gli iscritti che  nei prossimi giorni verranno recapitati i bollettini utili al pagamento della quota annuale, si precisa che la data di scadenza per il pagamento  (solitamente 30 aprile di ogni anno) sarà prorogata al mese di maggio 2015 con scadenza 30 maggio 2015, si confermano gli importi dell'anno 2014 fissato a 138 euro per la sezione B e a 152 euro per la sezione A.
Si ribadisce che il versamento del contributo annuo è atto dovuto da parte dell'iscritto. Per chi non avesse ricevuto in tempo il bollettino per il pagamento basta procedere con un bonifico sul seguente IBAN: IT 12 G 07601 02000 000017589300 intestato a Ordine degli Assistenti Sociali del Veneto - Corso del Popolo n. 71 35131 PADOVA.  Oppure con un bollettino cartaceo  nel seguente n. di c/c postale 17589300 sempre intestao all'Ordine.  Si raccomanda di indicare il nominativo dell'iscritto.
Si precisa che, per non essere tenuti al pagamento della quota per l'anno successivo, va richiesta la cancellazione dall'albo entro il 31 dicembre dell'anno in corso. Si ricorda inoltre che la cancellazione dall'albo comporta la conseguente impossibilità all'esercizio della professione.

Quota anno 2014

Si comunica che, nel corso del mese di aprile 2014, verrà recapitata a tutti gli iscritti una comunicazione con le indicazioni per il pagamento della quota annuale di iscrizione all'Albo. Si invita pertanto a informare la segreteria dell'Ordine eventuali di variazioni di indirizzo.
Si informa che in data 25/06/2013 la quota per l'anno 2014 è stata fissata a 138 euro per l'albo B ed a 152 euro l'albo A. In data 20/12/2013 si è deliberato, per i nuovi iscritti, il pagamento per il primo anno di iscrizione della sola tassa di iscrizione e della quota dovuta al CNOAS, per complessivi 68,32 euro.
Si ribadisce che il versamento del contributo annuo è atto dovuto da parte dell'iscritto e che il mancato versamento comporta l'avvio di procedimento disciplinare. Per chi non avesse ricevuto in tempo il bollettino per il pagamento basta procedere con un bonifico via internet  sul seguente codice IBAN IT 12 G 07601 02000 000017589300 intestato a Ordine degli Assistenti Sociali del Veneto - Corso del Popolo n. 71 35131 PADOVA - S
Si ricorda che, per non essere tenuti al pagamento della quota per l'anno successivo, va richiesta la cancellazione dall'albo entro il 31 dicembre dell'anno in corso. Si precisa inoltre che la cancellazione dall'albo comporta la conseguente impossibilità all'esercizio della professione.

Quota anno 2013

Gli iscritti che non avessero ancora provveduto al pagamento della quota relativa all'anno 2013 dovranno provvedere con sollecitudine  compilando un bollettino di c/c postale oppure provvedendo via internet con bonifico bancario  sul seguente codice IBAN IT 12 G 07601 02000 000017589300 intestato a Ordine degli Assistenti Sociali del Veneto - Corso del Popolo n. 71 35131 PADOVA - Si raccomanda di indicare le generalità dell'iscritto. Si ricorda che, per quanto attiene l'anno 2013, la quota ammonta ad  € 142,00 per la sez. A, e di €. 130,00 per la sez. B.

Elenco importi delle quote annuali

anno 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002
quota 120.000 lire 120.000 lire 120.000 lire 150.000 lire 150.000 lire 77,00 euro 77,00 euro
anno
2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009
sezione B 130,00 euro 130,00 euro 130,00 euro 130,00 euro 130,00 euro 130,00 euro 130,00 euro
sezione A 142,00 euro 142,00 euro 142,00 euro 142,00 euro 142,00 euro 142,00 euro 142,00 euro
anno
2010
2011
2012 2013 2014 2015 2016*
sezione B 130,00 euro 130,00 euro 130,00 euro 130,00 euro 138,00 euro 138,00 euro 136,00 euro
sezione A 142,00 euro 142,00 euro 142,00 euro 142,00 euro 152,00 euro 152,00 euro 136,00 euro
prime iscrizioni         27,00 euro 27,00 euro 27,00 euro
anno 2017            
quota unica 136,00 euro            
prime iscrizioni 27,00 euro            
* i colleghi che nel 2015 sono passati da albo B ad albo A in virtù del sentenza TAR Lazio n. 5631/2014, dovranno versare 150 euro, che comprendonola quota di 14 euro non versata nel 2015

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

01/06/2016
Si pubblica la nota del Ministero dell’Economia e delle Finanze, Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato trasmessa da parte del CNOAS e relativa alla sentenza della Corte di Cassazione n.7776/2015.


22/12/2015
Lettera della Presidente Mordeglia al Ragioniere generale dello Stato in merito al parere di data 19 ottobre 2015 ed all'obbligatorietà di iscrizione all'Albo per l' esercizio della professione di Assistente sociale. La nota puntuale entra nel merito dei profili giuridici concernenti l'esercizio professionale, sia in regime di dipendente che di lavoro autonomo, e della richiesta di rimborso del contributo annuale.


29/07/2015
La sentenza della Corte di Cassazione n.7776/2015 ha sancito che il pagamento della quota d’iscrizione all’albo professionale di alcuni avvocati dipendenti di una pubblica amministrazione, con vincolo di esclusività di rapporto, essendo un costo per lo svolgimento dell’attività “deve gravare” sul datore di lavoro pubblico e non sul lavoratore.
Tale sentenza sembra sancire  che l’enunciato possa essere esteso a tutti i professionisti, come gli Assistenti Sociali,  "che lavorano  nell’interesse esclusivo di un Ente e sono tenuti al pagamento della tassa annuale di iscrizione negli Albi professionali ed elenchi ufficiali“; si affermerebbe quindi che i “professionisti che svolgono la loro attività in modo esclusivo presso un Ente, hanno diritto al rimborso, da parte del datore di lavoro, del costo  sostenuto a titolo di quota di iscrizione,  in quanto questi è obbligato a tenere indenne il lavoratore dalle spese connesse all’esecuzione della prestazione".

Sentito il parere legale del consulente di questo Ente si ricorda che il ricorso può essere promosso davanti al Giudice del Lavoro dall’assistente sociale dipendente di una pubblica amministrazione; qualora l’amministrazione dovesse rigettare con espressa delibera una eventuale richiesta avanzata in tale senso.
Al momento si tratta pertanto di un precedente che potrebbe essere speso di fronte al giudice competente.

I documenti scaricabili e link: